Condizionatore a gas: quando va ricaricato?

condizionatore a gas

Tutti i condizionatori sono caratterizzati nel loro impianto da un gas refrigerante senza il quale il dispositivo non può raffrescare l’ambiente.

Molto spesso si pensa che il gas del condizionatore – o per meglio dire il liquido refrigerante – si esaurisca nel corso del tempo.

In realtà non è così! La sostituzione del gas non rientra nelle procedure di manutenzione ordinaria e la necessità di effettuare una ricarica di questo gas è sintomo di una problematica al condizionatore. Ma scopriamo di più con gli esperti di Centro Caldaie Bove.

A cosa serve il gas refrigerante nel condizionatore?

Il gas è un elemento fondamentale per il funzionamento del condizionatore. La sua funzione è di termovettore, ovvero favorire lo scambio termico tra un ambiente e un altro: durante le giornate calde il condizionatore preleva il calore dalle stanze interne di un locale e le cede all’esterno.

Il gas, circolando all’interno dell’impianto, passa continuamente dallo stato gassoso a quello liquido, in maniera ciclica e senza interruzioni.

Va ricaricato il gas del condizionatore?

Teoricamente no! Il climatizzatore infatti deve possedere un impianto a tenuta stagna, nel quale la perdita o il consumo del gas o liquido refrigerante non è contemplata.

Tuttavia non di rado si possono verificare delle perdite di questo gas (ce ne accorgiamo quando il condizionatore non raffresca a dovere). Quando si verificano questi problemi di inefficienza è bene rivolgersi a dei professionisti che eseguano i dovuti controlli di manutenzione e che risolvano il guasto prima di ricaricare l’impianto.

Se cerchi una ditta che ti aiuti in questa operazione in tutta la provincia di Milano e Varese puoi rivolgerti ai professionisti di Centro Caldaie Bove. Il nostro servizio di assistenza su condizionatori è diventato un punto di riferimento per tutti coloro che ricercano un servizio puntuale, risolutivo e rapido eseguito da esperti del settore.

Disponiamo infatti di un vasto magazzino di ricambi per intervenire sulle più diffuse e principali marche di condizionatori. Un grande valore aggiunto per la nostra azienda, che ci consente di agire su qualunque tipo di problematica in maniera tempestiva.

Contattaci qui per un preventivo gratuito e prenotare un intervento per rimettere in funzione il tuo condizionatore.

Climatizzatore con pompa di calore: come funziona?

climatizzatore con pompa di calore

Cerchi una soluzione “universale” che sia utile d’estate ma anche d’inverno? Scopriamo il climatizzatore con pompa di calore.

Mai sentito parlare di questa tipologia di climatizzatore? Nei nostri approfondimenti abbiamo già parlato ampiamente della pompa di calore… ma sapevi che questo sistema può essere utilizzato anche in abbinamento con un condizionatore?

Il climatizzatore con pompa di calore è infatti una valida alternativa al classico sistema di condizionamento domestico in quanto si basa sul principio dello spostamento di calore. Un sistema che dimostra la sua utilità sia durante le calde giornate estive che in quelle rigide invernali.

Vediamo quindi come funziona con gli esperti di Centro Caldaie Bove, specializzati nell’installazione, vendita e manutenzione di condizionatori.

Come funziona il climatizzatore con pompa di calore

Come abbiamo accennato, questa tipologia di condizionatore sposta il calore da un ambiente a un altro: ecco quindi che in piena estate quando c’è bisogno di raffrescare casa la pompa di calore butta il calore dall’interno degli ambienti verso l’esterno e viceversa d’inverno.

All’interno del circuito è presente un liquido refrigerante che passando dallo stato liquido a quello gassoso assorbe calore dall’ambiente.

A questo meccanismo si aggiunge anche la deumidificazione delle stanze: il climatizzatore con pompa di calore consente un ottimo ricambio d’aria, eliminando l’eccesso di umidità e prevenendo la formazione di muffe.

Acquistalo a meno con il bonus climatizzatore

Per tutto il 2022 potrai acquistare il tuo nuovo condizionatore a un prezzo agevolato grazie al bonus condizionatore che prevede la cessione del credito o lo sconto in fattura del 50%.

Da Centro Caldaie Bove puoi godere di questa detrazione sulla spesa. Se vuoi saperne di più, leggi qui il nostro approfondimento dedicato allo sconto sui condizionatori.

Contattaci per maggiori informazioni. I nostri esperti sono a tua disposizione per illustrarti i nostri modelli di condizionatori.

Prepara la tua casa all’estate: ottieni le detrazioni sull’acquisto del condizionatore

detrazioni condizionatore 2022

Stai pensando di acquistare il nuovo condizionatore? Questo è il momento giusto, grazie alle detrazioni Irpef.

Anche nel 2022 è possibile usufruire delle detrazioni sul condizionatore, grazie alla proroga del bonus introdotto dalla legge di bilancio.

Questo è il momento ideale per pensare a sostituire o rinnovare il tuo sistema di raffrescamento di casa: fino al 31 dicembre 2022 è infatti possibile richiedere la detrazione sull’acquisto di un nuovo condizionatore d’aria, sia a pompa di calore che solo per il raffreddamento.

Vediamo quindi come richiederlo e quali sono i requisiti con gli esperti di Centro Caldaie Bove, che da oltre 40 anni si occupa di installazione di condizionamento, riscaldamento e assistenza tecnica su guasti.

Bonus condizionatori 2022: ecco come funziona

La legge di bilancio ha riconfermato per il 2022 molti bonus che, a fronte di una ristrutturazione o di una riqualificazione energetica dell’immobile, includono anche la possibilità di detrarre le spese sostenute per l’acquisto di un nuovo condizionatore.

Vediamo quindi quali opzioni hai a disposizione per l’acquisto del tuo nuovo sistema di condizionamento:

  • in fase di ristrutturazione con riclassificazione energetica: detrazione Irpef del 50% con spesa massima di 96.000 euro e rimborso scaglionato in 10 rate annuali dello stesso importo;
  • in fase di ristrutturazione ordinaria: si può usufruire del bonus mobili con detrazioni del 50% sulla spesa con tetto massimo di 10.000 euro;
  • senza ristrutturazione: sostituzione del vecchio condizionatore con un sistema ad alta efficienza energetica (come la pompa di calore) a fronte di una spesa massima di 46.154 euro e detrazione del 65%.

Come richiedere le detrazioni condizionatore 2022

Una volta scelto e acquistato il nuovo condizionatore ti basterà fare richiesta di detrazione fiscale in fase di dichiarazione dei redditi.

Tutta la documentazione, ovvero fattura d’acquisto, ricevuta del bonifico, ricevuta della transazione con carta di credito, vanno poi trasmesse all’ENEA non oltre 90 giorni dall’installazione.

Con Centro Caldaie Bove in alternativa alla detrazione Irpef puoi richiedere anche la cessione del credito, per ottenere subito uno sconto del 50% sull’acquisto, senza attendere le rate annuali!

Da noi puoi scegliere tra i migliori condizionatori presenti sul mercato: i nostri tecnici si occuperanno anche dell’installazione e ti supporteranno in caso di necessità di assistenza e manutenzione dell’impianto.

Affidati agli esperti degli impianti di condizionamento. Preparati alle calde giornate estive e usufruisci delle detrazioni condizionatore. Contattaci qui per maggiori informazioni.